23^ Domenica del Tempo Ordinario ANNO B 09.09.18

Accoglienza – “Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano”. Lo prese in disparte, lontano dalla folla. Emise un sospiro e gli disse: <Effatà> <apriti>. E’ la parola centrale e decisiva del vangelo di oggi. Una parola al singolare perché rivolta a tutto l’uomo, al suo cuore prima che alle sue orecchie. “E subito gli si aprirono gli orecchi e si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente”. <La barriera della comunicazione è caduta, la parola si espande come l’acqua che ha rotto le barriere di una diga. Lo stupore e la gioia si diffondono per le valli e le cittadine della Galilea> (c.m. martini). ”Ha fatto bene ogni cosa, diceva la gente, fa udire i sordi e fa parlare i muti”. Come agli inizi, nella creazione... Il mondo può ancora ripartire. Il silenzio ci disponga a chiedere perdono.

 

1^ lettura – La liberazione dalla schiavitù babilonese è descritta da Isaia con immagini che parlano di vita ritrovata: i ciechi riacquistano la vista, i sordi udranno di nuovo, i muti grideranno di gioia.

 

2^ lettura – Se c’è una preferenza nella chiesa è quella verso i poveri, perché Dio si è fatto povero.

 

Preghiera dei fedeli

 

* Per la chiesa: continui la sua opera di formazione delle coscienze esortando a restare umani, a non scappare dai problemi anche se sono crimini che offendono l’intera famiglia umana, preghiamo....

 

* Perché la morte di molti innocenti e le lunghe colonne di profughi alla ricerca di una patria più sicura ci ricordino che tutti, qualunque sia la nostra origine, facciamo parte di un unico destino, e che nessuno si salva da solo in questo pianeta così bello e così tormentato, preghiamo...

 

* Perché tra di noi sorgano nuovi catechisti e formatori capaci di ascolto, disposti ad aprirsi agli altri e a Dio, anche con le proprie ferite, preparati ad accogliere le potenzialità che hanno in cuore e metterle a servizio di chi desidera aprirsi alla fede, preghiamo...

 

* Preghiamo per la nostra comunità un po’ provata dalla fatica di questi giorni, per Luigi e Giorgio che hanno ricevuto il battesimo, per Alan e Ana uniti in matrimonio, per Leonida, bimbo di nove mesi chiamato per nome dal Signore della vita. Preghiamo per chi si sente dimenticato, per i malati e per altre intenzioni....

 

Sulle offerte - Con l’offerta doniamo a Dio un po’ del nostro silenzio, qualche pausa di riflessione per non perdere di vista il traguardo. Offriamo la nostra lode.

 

Congedo – Il vostro parlare sia sì sì, no no. Il di più viene dal maligno“. (Mt 5,37). Questa può sembrare oggi, nella Babele della comunicazione che il nostro tempo conosce, l’utopia impraticabile di un linguaggio trasparente. Proprio di quel <<di più>> c’è ora bisogno, per ragionare, decifrare, discutere, fare esercizio critico dell’intelligenza, valutare nella complessità che ci stordisce”.

G. Caramore - Jesus n. 9 Lasciamoci condurre da chi può aprirci le orecchie e sciogliere la lingua per non rimanere sordi e muti e ritrovare la correttezza del linguaggio.

 

Notizie di comunità:

* Nelle prossime settimane non sarà sempre facile la comunicazione tra di noi, all’interno della comunità perché sarà disponibile un solo prete. Avremo modo così di comprendere aspetti nuovi, legati anche al numero dei preti che non può essere più quello degli ultimi anni.

Il mese di settembre, dedicato alla preghiera per le vocazioni, ci trovi con la lampada accesa, ci renda più credenti.

* Venerdì passerà di qui P. Pius in viaggio verso Roma come rappresentante della Caritas di tutto l’Estremo Oriente. Qualche notizia più precisa la potremo chiedere alle Suore.

Calendario

loader

Articoli recenti

Copyright © 2018 Parrocchia di San Lorenzo Martire. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 
+