21^ Domenica del tempo ordinario 25.08.18 ANNO B

Accoglienza“Quanto a me e alla mia casa serviremo il Signore”. Così Giosuè nell’assemblea di Sichem, quando chiamò tutto il popolo a scegliere tra il Dio d’Israele e gli dei popoli vicini. “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna”. Sono le parole di Pietro, la sua risposta alla provocazione di Gesù rivolta ai Dodici: “Volete andarvene anche voi?”. Ed è la risposta che il Signore attende anche da noi. Una risposta libera e consapevole, frutto di amore non di paura. Non un rito staccato dalla vita, ma una vita che si fa dono e che può diventare ogni volta memoriale della grande cena e della croce. Il silenzio ci introduca all’ascolto e ci prepari a chiedere perdono.

 

1^ lettura – E’ descritta l’assemblea di Sichem. La presiede Giosuè, un condottiero giovane, entusiasta, quasi impaziente, che chiede al popolo una scelta chiara di vita. Ascoltiamo.

 

2^ lettura – Anche l’amore tra marito e moglie è frutto di una scelta. Ed è una scelta che rende felici se all’origine e lungo il cammino ci si convince che ciò che la rende possibile è l’amicizia con Cristo che per tutti ha dato la vita.

 

Preghiera dei fedeli

 

* Per papa Francesco in trasferta a Dublino: trovi i gesti e le parole giuste per incoraggiare le famiglie a rendere testimonianza come famiglie, in una società sofferente e un po’ disorientata, preghiamo…

 

* Per i cristiani che vivono in una continua diaspora, forzata e violenta, in diverse parti del mondo: conservino la forza del seme per sapersi trapiantare e trovare una terra feconda dove germogliare di nuovo, preghiamo...

 

* Per i responsabili delle sorti dell’umanità e del pianeta, per gli uomini di governo e delle istituzioni: siano uomini veri all’altezza del compito, statisti dai gesti nobili, attenti ai più deboli e alle generazioni future, più che ai sondaggi di opinione, preghiamo...

 

* Per quanti si stanno impegnando nella festa di comunità: oltre alle competenze e alla professionalità mettano anche il cuore, per capire che tutto può essere espressione di fede, un servizio reso gratuitamente e con gioia, preghiamo…

 

* Preghiamo per la nostra comunità: dopo i mesi della dispersione si senta ancora responsabile nel suo insieme di ciò che è di tutti. Preghiamo per Giuseppina e Gemma entrate nella luce del Signore, per i poveri, i migranti, gli ammalati e per altre intenzioni...

 

Sulle offerte - L’eucaristia ci prepari a donare la vita, a compiere gesti di solidarietà, a dimenticare noi stessi per ricordarci degli altri.

 

Congedo – Quante volte ci sentiamo provocati dalla vita, dal dolore, dalla povertà, dalla solitudine. Quante volte vorremmo abbandonare tutto perché non capiamo, o non ci fidiamo di chi ci sta accanto. Oggi la parola ci invita a scegliere e a scegliere il Signore, per quanto abbiamo visto e per quello che ci sarà dato di vedere. Ci invita a credere, perché la forza della fede sa andare oltre questa vita, sa attendere l’eternità.

 

Notizie di comunità:

Per questa settimana c’è un’unica notizia: la festa di comunità.

E’ una notizia buona, da pubblicizzare e da spiegare, se ce ne fosse ancora bisogno. E’ la comunità che dedica del tempo a se stessa, al dialogo tra generazioni diverse, alla solidarietà e alla condivisione.

Ma è compito di tutti farla crescere e consegnarla ai più giovani intatta.

Calendario

loader

Articoli recenti

Copyright © 2018 Parrocchia di San Lorenzo Martire. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 
+