Santa Famiglia di Nazaret 31.12.17 Anno B

Accoglienza – Maria e Giuseppe portarono il Bambino Gesù a Gerusalemme per presentarlo al Signore”. E’ una famiglia al completo che si mette in cammino per fare quello che la legge prescrive. Il bambino deve essere riscattato perché appartiene al Signore e l’offerta sarà quella dei poveri. E’ la Santa Famiglia di Nazaret che percorre le nostre strade e sosta nel tempio dove i sacerdoti possono registrare il nome e rimandarla a casa in regola. Ma il mistero della famiglia non sta qui e il vecchio Simeone che lo Spirito aveva condotto lì in quel momento lo svela alla madre e a tutti noi. Quel bambino sarà un segno di contraddizione. Tutti dovremmo misurarci con il suo mistero e con la sua missione che da grande ci coinvolgerà fino alla croce. Nel silenzio domandiamo perdono.

 

 

Le letture - Abramo e Sara concepiscono un figlio quando ormai sono vecchi, perché Dio è fedele e mantiene la promessa. Così Isacco potrà diventare figura di un altro figlio, Gesù, consegnato alla morte per noi, ma risorto il terzo giorno: ”per questo lo riebbe anche come simbolo”.

 

Preghiera dei fedeli

 

* Per la chiesa: non si rallegri tanto per lo splendore dei riti o del patrimonio d’arte che custodisce, ma per la dedizione di tanti suoi figli, sparsi in tutto il mondo e per il coraggio di molti pastori che la guidano anche in questo tempo, preghiamo...

 

* Per le famiglie dei cristiani: non perdano il dono della profezia che Dio ha messo in loro, sappiano scorgere nei loro figli il futuro di Dio e l’avvenire del mondo, avvertano che essi sono di tutti perché appartengono anzitutto al Signore e alla loro vocazione, preghiamo...

 

* Per quanti sono in cerca di libertà e di pace, di una patria e di una casa; per chi cerca lavoro e pane: la loro sfortuna renda tutti più umani, più frugali e rispettosi anche del creato, preghiamo...

 

* Per la nostra comunità: non si chiuda mai in casa per pigrizia o per paura, non perda la fiducia e il desiderio di potersi formare alla scuola della Parola, anche nell’età della pensione o della vecchiaia, preghiamo...

 

* Preghiamo per Olivo, Giovanni e Lauretta entrati nella luce del Signore, per chi soffre ed è afflitto per la solitudine. Preghiamo per i malati e per intenzioni...

 

Sulle offerte – Come Maria e Giuseppe offriamo a Dio quello che abbiamo di più caro, non importa se è l’offerta dei poveri, basta che sia fatta con amore.

 

Congedo – Rassicurati dalla parola ritorniamo a casa con uno sguardo nuovo che ci permetta di soffermarci con stupore e riconoscenza sulla nostra famiglia,… sui figli, sui genitori, sugli amici delle nostre famiglie. E portiamo nel cuore anche le famiglie in difficoltà, i coniugi divisi, i figli più sfortunati, perché nessuno si senta solo.

 

Notizie di comunità:

* Nel pomeriggio alle 17.00 l’Eucaristia di fine anno, con il canto del Te Deum di ringraziamento.

Alle 15.30 verrà fatta l’esposizione dell’eucaristia per l’adorazione. La sincerità dell’amore si misura quando esso si fa riconoscenza e quando la riconoscenza trova il modo più opportuno per esprimersi. Il 31 dicembre potrebbe essere uno di questi momenti.

* Domani 1°gennaio, festa della Madre di Dio, la messa cantata sarà alle 19.00.

Calendario

loader

Articoli recenti

Copyright © 2018 Parrocchia di San Lorenzo Martire. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 
+