1^ DOMENICA DI AVVENTO 03.12.17 ANNO B

Accoglienza – “Maestro, disse uno dei discepoli, guarda come sono grandi queste pietre e come sono magnifiche queste costruzioni!”. “Non rimarrà una sola pietra sull’altra: tutto sarà distrutto!”, rispose Gesù. “Ma quando avverranno queste cose? E quale sarà il segno che tutte queste cose stanno per accadere?”. “Nessuno la sa, rispose Gesù, né gli angeli e neppure il Figlio. Solo Dio Padre lo sa…. Ma voi fate attenzione, rimanete svegli, perché non sapete quando sarà il momento decisivo. Quel che dico a voi lo dico a tutti: state svegli”. E’ la parola che oggi risuona in tutto il mondo cristiano. E’ la prima domenica di Avvento, l’inizio di un nuovo anno. Disponiamoci all’ascolto e domandiamo perdono.

 

 1^ lettura – Perché ci lasci vagare lontano dalle tue vie e lasci indurire il nostro cuore così che non ti tema?.... Le nostre iniquità ci hanno portato via come il vento”. Sono gemiti di un cuore che ama e sa che Dio è sempre Padre.

 

2^ lettura – I cristiani hanno un nome, secondo l’apostolo Paolo: sono quelli che attendono la manifestazione di Gesù Cristo. E non possono attardarsi lungo la via quando è Dio che chiama, un Dio sempre fedele.

 

Preghiera dei fedeli:

 

* Per papa Francesco che è ritornato dove coesistono fedi diverse e riti diversi: possa trovare accoglienza e ascolto e le parole che dirà rimangano nel cuore di tutti, preghiamo...

 

* Per il nostro paese che riprende a crescere ma che si scopre pieno di rancore perché non riesce a portare con sé i giovani, il Sud, il ceto medio impoverito: non resti incollato al presente, ma trovi dentro di sé l’immaginazione di come avanzare, preghiamo…

 

* Per i cristiani, papà e mamme, che frequentano la chiesa: progrediscano anche nella conoscenza della fede che professano, per essere in grado di narrarla ai loro figli e di testimoniarla a quanti la cercano, preghiamo...

 

* Perché nelle nostre case si scelga la sobrietà come stile di vita e il silenzio come clima da abitare, per poter capire chi è in difficoltà e saper ringraziare per ciò che ci viene donato ogni giorno, preghiamo...

 

* Per la nostra comunità, per chi si sente provato nella salute. Preghiamo per Roberta che riceverà il battesimo, per Antonio e Livia chiamati per nome dal Signore della vita. Preghiamo per i poveri, per i malati e per altre intenzioni...

 

Sulle offerte – Accendiamo ora la corona dell’Avvento, la luce della speranza, e prepariamoci a incontrare il Signore con le mani ricolme di frutti, ricchi di opere buone.

 

Congedo –.“La piccola speranza avanza tra le sue due sorelle grandi [la fede e la carità] e non si nota neanche. Quasi invisibile la <<piccola>> sorella sembra condotta per mano dalle due più grandi, ma col suo cuore di bimba vede ciò che le altre non vedono. E trascina con la sua gioia fresca e innocente la fede e l’amore del mattino di Pasqua. E’ lei, quella piccina, che trascina tutto”.(Charles Pèguy - 1911). Forse è piccola anche la nostra speranza, ma il Signore è sempre nostro padre e non ci abbandona.  

 

Notizie di comunità:

* E’ iniziato l’Avvento, un tempo che rischia di rubarci a noi stessi, perché pieno di impegni che impoveriscono la nostra interiorità. Vediamo di scegliere quelli in cui crediamo perché il Natale non si riduca a rincorrere ciò che non serve.

* Venerdì si celebra la Solennità dell’Immacolata. La messa delle 10.00 sarà cantata.

* Prestiamo attenzione al nuovo orario delle ss. Messe, per aiutare chi ancora non è al corrente e magari non ha capito i motivi del cambiamento.

Calendario

loader

Articoli recenti

Copyright © 2018 Parrocchia di San Lorenzo Martire. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 
+